rotate-mobile
Tasse

Tasse e contributi scolastici: tutto quello che c'è da sapere

A chi spetta il pagamento delle tasse, come chiedere i rimborsi e cosa sono i contributi scolastici. Ecco tutte le informazioni utili per famiglie e studenti

Secondo quanto previsto dalla legge italiana, le tasse scolastiche sono dovute per gli studenti iscritti al quarto e quinto anno degli istituti di istruzione secondaria di secondo grado. Gli importi previsti sono: tassa di iscrizione € 6,04; tassa di frequenza € 15,13; tassa per esami di idoneità, integrativi, di licenza, di maturità e di abilitazione € 12,09; tassa di rilascio dei relativi diplomi € 15,13.

Le tasse scolastiche erariali devono essere versate, precisando la causale, sul conto corrente 1016 intestato all'Agenzia delle Entrate - Centro Operativo di Pescara, utilizzando i bollettini disponibili presso gli uffici postali oppure attraverso bonifico bancario: Agenzia delle Entrate - Centro operativo di Pescara - Tasse scolastiche - IBAN: IT45 R 0760103200 000000001016

Dal 1° gennaio 2020 è possibile pagare le tasse tramite il modello F 24 utilizzando i codici tributo istituiti dall’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 106/E del 17 dicembre 2019. In alternativa, è possibile pagare le tasse mediante avvisi di pagamento a valere sul conto corrente 1016, intestato all’Agenzia delle Entrate, emessi da istituzioni scolastiche che utilizzano il sistema dei pagamenti telematici “Pago in Rete”, messo a disposizione dal ministero, e collegato a pagoPA.

La modulistica necessaria

Istituzione dei codici tributo per il versamento tramite modello F24

Cod. contributo

Risoluzione n. 106 del 17 dicembre 2019

Modelli (fac simile) e istruzioni​​​​​​​

Contributo scolastico

In ragione dei principi di obbligatorietà e di gratuità, non è consentito richiedere alle famiglie contributi obbligatori per l'espletamento delle attività curriculari e di quelle connesse all'assolvimento dell'obbligo scolastico fatti salvi i rimborsi delle spese sostenute per conto delle famiglie medesime (quali ad es: assicurazione individuale degli studenti per RC e infortuni, libretto delle assenze, gite scolastiche, etc.). Eventuali contributi possono dunque essere richiesti solo ed esclusivamente quali contribuzioni volontarie con cui le famiglie, con spirito collaborativo e nella massima trasparenza, partecipano al miglioramento e all'ampliamento dell'offerta formativa degli alunni, per raggiungere livelli qualitativi più elevati.

Richiesta di rimborso tasse e contributi 

Per richiedere il rimborso delle tasse nei casi in cui tale azione sia possibile è necessario presentare relativa richiesta all'Agenzia delle Entrate, presso cui l'importo è stato versato. Per quanto riguarda il contributo scolastico, essendo lo stesso volontario e deliberato autonomamente dalle singole istituzioni scolastiche, in caso di trasferimento presso altro istituto esso può essere parzialmente rimborsato solo su decisione del consiglio d’istituto, presieduto dal dirigente scolastico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tasse e contributi scolastici: tutto quello che c'è da sapere

ArezzoNotizie è in caricamento