rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Economia Castiglion Fiorentino

Fabianelli: è arrivata la svolta. Bonifiche Ferraresi acquista il 94% dell'azienda

La notizia è stata confermata nella giornata di oggi, 31 gennaio. L'operazione è stata effettuata a fine 2023 e attende la conclusione degli ultimi passaggi burocratici

"Due eccellenze italiane che, di fronte alla stessa filosofia, decidono di rafforzare il loro legame e proseguire insieme la strada". Le considerazioni sono quelle espresse dal sindaco di Castiglion Fiorentino, Mario Agnelli, a seguito della notizia riportata quest'oggi dal Corriere di Arezzo e riguardante l'acquisizione di oltre il 90 per cento delle quote del pastificio Fabianelli, impresa storica della Valdichiana, da parte di Bonifiche Ferraresi agroindustriale, costola di Bf spa.

La conferma della notizia arriva direttamente dall'azienda ferrarese che, attraverso il proprio ufficio stampa, rende noto come l'operazione sia stata messa nero su bianco sul finire del 2023. In queste settimane, gli step burocratici utili al perfezionamento della pratica dovrebbero giungere a completamento. Ancora una decina di giorni di attesa e poi, il cerchio sarà definitivamente chiuso.

Una svolta enorme per l'impresa nata a Castiglion Fiorentino nel 1860 e oggi guidata dalla quarta generazione dei fondatori. Già negli anni passati Bf spa era entrata a far parte della famiglia Fabianelli acquisendone il 30 per cento delle quote azionarie. Poi, sul finire dell'anno,  al colosso del settore agroindustriale italiano - la cui produzione supera il miliardo di euro all'anno - passa il 94 per cento dell'azienda. Per Bf, già in Toscana con siti in Maremma e in Valdichiana, si tratta di un'operazione strategica, espansiva, utile a rafforzare la propria presenza in un settore in cui pastificio aretino ha costruito una reputazione di riconosciuta qualità oltre che di affidabilità.

Alla famiglia Fabianelli, sempre stando a quanto confermato, verrà riservato un ruolo chiave nella futura gestione. Questo non solo per garantire la necessaria continuità ma anche, e soprattutto, in considerazione degli eccellenti risultati fino a oggi perseguiti. Non è infatti un caso che l'azienda, con un fatturato di 20 milioni di euro e 35 dipendenti, è nota non solo in Italia ma anche all'estero dove esporta l'80 per cento della propria produzione. Settanta sono i Paesi in cui oggi vengono venduti pasta e prodotti made in Castiglion Fiorentino facendo conquistare all'impresa un posto nella classifica dei 250 migliori player nazionali per export.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fabianelli: è arrivata la svolta. Bonifiche Ferraresi acquista il 94% dell'azienda

ArezzoNotizie è in caricamento