rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Economia Centro Storico / Via Antonio Guadagnoli, 2

L'Eden in vendita per 5,8 milioni

Viene ceduta l'intera proprietà, comprensiva dei cinema, dell'arena all'aperto, del bar e del ristorante

L'Eden è in vendita. L'intera struttura che ospita lo storico (e omonimo) cinema d'essai sulla cinta muraria di Arezzo, in via Guadagnoli, può passare di proprietà presentando la giusta offerta: la richiesta è di 5,8 milioni di euro.

Sale di proiezione, arena, ristorante e bar sull'acqua

In vendita c'è una superficie di oltre 5mila mq, suddivisa in 1.700 mq di interni e 3.700 mq di esterni: tre sale di proiezione - le due interne (quella principale e il "Piccolo Eden") e quella esterna, ovvero l'arena con palco da oltre 300 posti a sedere -, il ristorante e l'avveniristica struttura del bar circondato da una vasca d'acqua. Titolare del complesso è la società Chora Srl, riconducibile al manager aretino Carlo Mazzi, che è stato presidente del Gruppo Prada. L'annuncio di vendita è comparso tra quelli di Romolini Immobiliare - Christie's International Real Estate, agenzia specializzata nella compravendita di appartamenti di pregio, hotel, resort, palazzi nobiliari.

Eden Arezzo, le immagini

Il cinema: dalla chiusura alla nuova vita

Di cessione dell'area si era già parlato all'inizio dello scorso decennio, con la crisi del cinema Eden. Un'ipotesi, quella del passaggio di mano, che non si concretizzò e la gestione cinematografica visse il suo periodo più buio, in concomitanza con l'arrivo del digitale a inizio 2014. L'Eden infatti non disponeva di proiettori all'avanguardia e l'esaurimento di film in pellicola metteva all'angolo la sopravvivenza della struttura. L'epilogo fu drammatico, il cinema rimase chiuso per mesi. Poi risorse nel dicembre dello stesso anno, grazie all'arrivo dei nuovi proiettori digitali. Il 1° gennaio 2016 si concretizzò inoltre il passaggio della gestione a Officine della Cultura, tuttora alla guida delle proiezioni nelle due sale al chiuso e nell'arena all'aperto. Una nuova vita che però ha rischiato di soffocare per la crisi post Covid: nuovo rischio chiusura e raccolta fondi a sostegno del cinema d'essai. Arezzo ha saputo stringersi attorno a uno dei suoi simboli che nel 2023, come testimoniano Massimo Ferri e Michele Squillace di Officine della Cultura, si è rilanciato: "Ancora non siamo tornati ai livelli pre Covid, ma lo scorso anno è andato abbastanza bene per il cinema Eden".

Il ristorante e il bar

All'interno degli spazi dell'Eden è attivo inoltre da un paio di anni un ristorante di sushi, l'Eden Omakase, con un'altra gestione rispetto al cinema, e che ha in affitto anche lo scenografico bar circondato dall'acqua. Il ristorante è ospitato nella struttura attigua alle sale cinematografiche, in passato c'erano state altre gestioni, con alterne fortune.

Il futuro della struttura

Cosa ne sarà dell'Eden in futuro? Difficile dirlo, anche perché bisognerà vedere se e quando si concretizzerà la cessione della proprietà immobiliare. Potenzialmente potrebbe rimanere tutto così com'è, con un altro titolare degli spazi ma le stesse attività (ristorante-bar e cinema) in gestione. Intanto il contratto d'affitto stipulato da Officine della Cultura per le sale cinematografiche è in scadenza al 31 dicembre 2024. Tuttavia, posto che non ci siano cambi di proprietà nel frattempo, da Officine della Cultura fanno sapere che, qualora il 2024 si confermi un anno buono come (o addirittura migliore del) 2023, ci sarebbe tutto l'interesse a prolungare la vita del cinema Eden.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

ArezzoNotizie è in caricamento