rotate-mobile
Sicurezza

Furti in appartamento: i giorni più gettonati dai ladri e le tecniche per difendersi

I ladri hanno dei giorni e degli orari preferiti? Ecco la fotografia elaborata sui dati censiti dalla polizia e carabinieri

Da sempre i furti in appartamento sono uno dei timori più ricorrenti di ogni cittadino. Oltre all'impatto materiale che un'effrazione ha sulla vita dei singoli residenti di un'abitazione, tra le conseguenze da annoverare ci sono anche gli strascichi emotivi e psicologici che tale evento provoca. Di certo c'è che, dati alla mano, il fenomeno è in aumento in tutta la Penisola e, purtroppo, Arezzo non fa eccezione. Secondo quanto censito dalle forze dell'ordine nell'ultimo anno si sono registrati circa 1 milione 560 mila furti, quasi 2.550 colpi ogni 100 mila abitanti, circa uno ogni 3 minuti. Quelli in appartamento sono colpi che non richiedono particolari competenze in termini di scasso ed effrazione e, raramente, il ladro si trova in contatto con il derubato. Detto ciò ecco alcuni aspetti su cui concentrare l'attenzione per tutelare la propria sicurezza all'interno di casa.

Quando lavorano i ladri

  • I ladri cominciano a “lavorare” alle 8 del lunedì mattina e vanno in crescendo fino al picco massimo tra le 12 e le 20 di sabato.
  • Si scatenano specialmente in estate e fra l'autunno e inverno, da ottobre c'è un'escalation che cresce fino a gennaio dopo le feste di Natale.
  • I giorni più pericolosi sono venerdì e sabato, quando si registrano sempre i picchi dei furti nelle fasce orarie fra le 8 e le 10 e fra le 17 e le 20, mentre si può stare molto più tranquilli la domenica sera. (Fonte dati: studio del centro di ricerca “Transcrime”, diretto dal professor Ernesto Savona).

Le regole d'oro per evitare i furti

Ci sono poi alcuni piccoli trucchi, come suggeriscono i Carabinieri, che possono risultare efficaci per disincentivare le effrazioni. Uno, per esempio, è quello di non offrire sui social e online, troppi particolari riguardo alla vostra abitazione. Un altro è il proteggere, in modo speciale, oggetti di particolare valore.

Prendersi cura del giardino - Il giardino è la parte esterna della casa che attira di più l’attenzione dei ladri. Una siepe o dei fiori poco curati possono suggerire l’assenza dei proprietario. Per questo è utile chiamare un giardiniere che si occupi della cura del prato mentre siamo in vacanza. La presenza dell'esperto ha un altro vantaggio: quello di tagliare siepi troppo alte o rami troppo lunghi, che spesso sono usati dai ladri per arrampicarsi ed entrare in casa.

Gestione della posta - Bollette, cartoline, riviste in abbonamento, durante il periodo estivo si possono accumulare. Anche questo può essere un segnale della nostra assenza in casa. Per questo possiamo chiedere a vicini o parenti di svuotare la cassetta della posta al posto nostro.

Cambiare le abitudini - Prima di entrare in casa i ladri osservano le abitudini della famiglia o degli abitanti dell’appartamento. Seguire sempre gli stessi ritmi o orari per  loro è un aiuto, in quanto sanno quando entrare e per quanto tempo la casa rimane disabitata. Per questo, se è possibile, meglio cambiare la propria routine così da non dare dei punti di riferimento ai malviventi.

Conservare i gioielli - Orecchini, orologi e anelli sono dei beni preziosi e spesso sono legati a dei ricordi. Se non vogliamo che i ladri ce li portino via meglio nasconderli bene. Armadi, cassetti, vasi, quadri, tappeti e letti sono i posti meno indicati. Questi infatti sono i luoghi in cui i topi d’appartamento rovistano subito.  Per questo meglio nasconderli bene, facendo attenzione a non dimenticare dove li abbiamo messi.

Sospendere gli abbonamenti - Comodo e pratico, l’abbonamento ci permette di avere direttamente a casa il quotidiano o la rivista preferita. Quando siamo in vacanza, la nostra assenza comporta inevitabilmente l’accumulo dei giornali, quindi meglio sospendere temporaneamente l’abbonamento o di inviare le copie direttamente nel luogo in cui abbiamo deciso di trascorrere le nostre vacanze.

Montare l’allarme - Per vivere al sicuro e tenere i ladri lontani da casa nostra, meglio creare un sistema di sicurezza basato su dispositivi anti-intrusione. Negli ultimi anni telecamere e sistemi d’allarme sono diventati sempre più sofisticati e difficili da violare, Molti inoltre, si collegano direttamente al telefonino, quindi possiamo avere la casa sotto controllo anche a distanza.

Montare le inferriate - Oltre ai sistemi d’allarme, un modo per proteggerci dai ladri, è quello di installare le inferriate. Semplici o di design possono essere un valido aiuto contro l’invasione dei malviventi e dare un nuovo aspetto al nostro appartamento.

Scegliere la porta giusta - La porta è la via d’accesso più facile per i ladri, per questo meglio istallarne una blindata caratterizzata da una certificazione garantita. Inoltre, meglio usare serrature con duplicazione controllata. Queste possono essere duplicate solo in determinate ferramenta dopo la presentazione di un tesserino.

Evitare i social - I social sono il mezzo di comunicazione più diffuso e si tende a fotografare ogni momento della giornata. Anche se amate condividere, meglio aspettare e pubblicare le foto dei viaggi una volta tornati a casa.

Fare una assicurazione - Se i ladri entrano in casa nostra e siamo dotati di assicurazione sui furti, allora possiamo vederci risarciti i danni subiti entro il limite del massimale previsto per la nostra polizza. Solitamente l’assicurazione risarcisce anche i seguenti danni, nel momento in cui proviamo di aver subito un furto con scasso:

- I danni e i guasti causati dai ladri compiuti durante l’effrazione: ad esempio alla porta, agli infissi

- I danni provocati all’arredamento

- Le spese per la duplicazione di documenti personali sottratti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti in appartamento: i giorni più gettonati dai ladri e le tecniche per difendersi

ArezzoNotizie è in caricamento